Assistenza anziani. Bando con i fondi PAC

ll presente Avviso Pubblico regola i requisiti specifici di riapertura di accesso con domande a sportello per i servizi di Assistenza Domiciliare Integrata alle prestazioni sociosanitarie (CDI) con ASP, Distretto 1 RC e di assistenza domiciliare socio-assistenziale (SAD) finanziabili con i fondi PAC 2° – Piano di Azione e Coesione – Servizi di cura agli anziani non autosufficienti giusta determina n° 1002 del 26/09/2019 del Settore Politiche con cui si è approvato l’avviso pubblico per l’individuazione dei beneficiari per cui sono pervenute numero 68 domande valide. La rimodulazione del progetto Pac Anziani ha previsto nella scheda così come approvata un totale di 103 utenti a cui è possibile erogare il servizio e allo scopo di consentire una maggiore adesione e copertura territoriale.

Assistenza anziani. Bando con i fondi PAC ambito 14
La riapertura dei termini per la presentazione delle domande riguarda numero 35 utenti attraverso la presentazione nella modalità a sportello in ordine di cronologico di arrivo fino alla concorrenza dei posti totali previsti rimanendo immutati i criteri di accesso sotto elencati. Possono concorrere i cittadini che si trovano nelle condizioni di cui ai successivi articoli e che siano residenti in uno dei Comuni facenti parte dell’Ambito Territoriale 14 (Villa San Giovanni, Bagnara Calabra, Calanna, Campo Calabro, Fiumara, Laganadi, San Procopio, San Roberto, Sant’Alessio, Sant’Eufemia, Santo Stefano, Scilla, Sinopoli).

ARTICOLO 1 Destinatari e requisiti di accesso
I destinatari dell’Intervento sonoi cittadini ultra sessantacinquenni residenti in uno dei succitati Comuni, che necessitano di assistenza per l’impossibilità a compiere gli atti quotidiani della vita, che non siano ricoverati in istituti in quanto l’obiettivo dell’intervento è favorire il mantenimento della persona non autosufficiente nel proprio contesto familiare e sociale e sostenere le loro famiglie nel carico assistenziale.I requisiti di ammissione per la fruizione dei servizi sono i seguenti:
1.Cittadinanza italiana.Possono avere diritto, in presenza degli altri requisiti, i cittadini stranieri in regola con le leggi vigenti (carta /permesso di soggiorno),
2.Residenza in uno dei Comuni dell’Ambito Territoriale 14;
3.Età non inferiore a 65 anni;
4.Stato di non autosufficienza o di invalidità che comporti temporanea o permanente perdita dell’autosufficienza;
5.Non essere ricoverato in un istituto pubblico o privato convenzionato;
6.Di non usufruire di altri servizi di assistenza domiciliare SAD(a valere su fondi sanitari o sociali).

Il diritto alle prestazioni decade al variare delle condizioni del destinatario.

ARTICOLO 2 Modalità di presentazione domande
Per poter accedere ai servizi occorre presentare, la seguente documentazione:
1)Istanza di partecipazione, allegata al presente bando e compilata in ogni sua parte. L’apposito modello è anche disponibile presso gli uffici dei Comuni di residenza e scaricabile dal sito internet del Comune di Villa San Giovanni (www.comune.villasangiovanni.rc.it)o da quello degli altri Comuni facenti parte dell’Ambito. Tale istanza deve essere sottoscritta dall’Interessato ovvero da un familiare o un tutore, con allegato documento di riconoscimento in corso di validità di entrambi i soggetti;
2)Scheda di richiesta di accesso ai servizi socio –sanitari territoriali, redattadal medico curante, su modello dell’ASP di riferimento di Reggio Calabria –Distretto n.1;
3)Attestazione ISEE in corso di validità del nucleo familiare anagrafico dell'utente;
4)Eventuale copia del verbale di accertamento dell’invalidità Civile;
5)Eventuale copia del verbale di accertamento di HANDICAP, ai sensi della legge 104/92 ovvero copia dell’istanza per il riconoscimento della stessa;
La suddetta documentazione dovrà pervenire all’ufficio Protocollo del Comune di Residenza, deve esser compilata in ogni sua parte, prima della consegna, e completa della documentazione richiesta. In assenza di un dato non sarà possibile procedere all’attribuzione del relativo punteggio o verificare le condizioni di precedenza a parità di punteggio.I dati e le informazioni assunte saranno utilizzate per determinare il grado di bisogno dell’utente, la tipologia e le modalità di intervento.

ARTICOLO 3 Tipologia del servizio e Prestazioni Previste
Erogazioni di prestazioni di Assistenza domiciliare socio assistenziale (SAD)Tali servizi finanziati con i fondi PACII Riparto –Piano di Azione e Coesione –Servizi di cura agli anziani non autosufficientihanno le seguenti finalità:
• favorire l’autonomia personale e la permanenza nel proprio ambiente familiare delle persone ultrasessantacinquenni non autosufficienti, nonché la loro integrazione sociale;
• sostenere la capacità di “prendersi cura di se stessi”, contenere la dipendenza e mantenere l’autonomia residua della persona;
• evitare istituzionalizzazioni improprie o gravi situazioni di emarginazione sociale, di isolamento e di solitudine;
• favorire l’integrazione ed il collegamento con i servizi sanitari e socio-sanitari in grado di concorrere all’autonomia della persona;• tutelare e valorizzare le capacità di autonomia e di relazione della persona;
• alleviare il peso e diminuire le pressioni che gravano sui familiari accudenti la persona;
• sostenere la famiglia e coinvolgerla in una collaborazione solidale e partecipata ai piani di assistenza.Il servizio di assistenza domiciliare socio-assistenziale(SAD)si configura come un sistema di prestazioni programmate e personalizzate sulle necessità dell’utente, da svolgersi prevalentemente presso il suo normale domicilio o la sua dimoraabitualeal fine di consentire il mantenimento della loro autonomia di vita e la permanenza nella loro abitazione e nel loro ambiente familiare e sociale, riducendo le esigenze di ricorso a strutture, in attuazione del Progetto Assistenziale Individuale (PAI) definito dall’UVM in concorso con le Assistenti sociali dell’Ambito 14.

Le prestazioni sanitarie previste nel piani per gli utenti in CDI sono erogate dal SSN con costi a totale carico dello stesso.Le Prestazioni socio-assistenziali da eseguire saranno individuate tra le seguenti, con riferimento ai bisogni dell’Utente:
a)Prestazioni di aiuto domestico (per il governo della casa), aiuto alla persona (cura dell’igiene personale, aiuto nella somministrazione dei pasti e/o assunzione dei cibi, aiuto nelle commissioni varie);
b)Interventi igienico – sanitari di semplice attuazione (aiuto all’assunzione dei farmaci, prestazioni parainfermieristiche di semplice attuazione);
Il servizio di assistenza domiciliare, si espleta tramite la concessione di buoni servizio nominativi e non trasferibili, consegnati dall’ ufficio preposto del Comune Capofila, ovvero dagli uffici competenti dei Comuni dell’Ambito 14,agli utenti in numero corrispondente al fabbisogno rilevato nei singoli Piani di Assistenza individualizzati (PAI).
Ogni beneficiario potrà utilizzare il voucher scegliendo l’organismo erogatore del servizio nell’Ambito dell’Elenco dei soggetti accreditati approvato dal Comune di Villa San Giovanni a seguito dell’espletamento della procedura di accreditamento.

ARTICOLO 4 Ammissione al Servizio Istruttoria e Valutazione delle domande
L’ammissione al servizio di assistenza per le cure domiciliari SAD(Servizio Assistenza Domiciliare) e quelle in CDI(Cure Domiciliari Integrate)si realizza attraverso procedure unitarie e condivise tra ASP/Distretto Sanitario ed Ambito Territoriale 14 per come riportato nell'Accordo di programma sottoscritto da ASP ed Ambito Territoriale che regola l'accesso, la valutazione e la presa in carico dei soggetti da assistere. Nello specifico le funzioni integrate per l'accesso e la presa in carico si articolano secondo il seguente percorso:
1) richiesta di accesso/segnalazione;
2) recepimento della domanda e della Scheda di richiesta di accesso ai servizi socio – sanitari territoriali, redatta dal medico curante, su modello dell’ASP di riferimento di Reggio Calabria – Distretto n.1;
3) valutazione multidimensionale da parte dell'UVM integratadall’Assistente Sociale del’Ambito14 eseguita con scheda SVAMA;
4) definizione del PAI (piano individualizzato integrato) a cur a dell’UVM integrata dall’Assistente Sociale dell’Ambito 14;
5) ammissione alle cure domiciliari integrate;

Per ogni utente sarà predisposta una cartella personale sociosanitaria gestita in modalità informatica implementata dagli operatori sociali e sanitari che intervengono al domicilio dell'utente per i servizi attivati. Nel caso in cui le richieste pervengano nella medesima date e che la disponibilità dei posti sia terminata si selezioneranno gli utenti con i criteri di seguito riportati:
Valore ISEE del nucleo familiare

Da 0,00 a € 3.000: 10 punti
Da € 3.001 a € 6.000: 8 punti
Da € 6.001 a € 9.000: 6 punti
Da € 9.001 a € 12.000: 4 punti
Da € 12.001 a € 15.000: 2 punti
Da € 15.001 a € 20.000: 1 punti
Oltre € 20.001: 0 punti

Condizioni familiari:
Persona che vive sola senza coniuge e/o figli o altri familiari: 10 punti
Persona che vive con coniuge e/o figli o altri familiari non autosufficienti: 9 punti
Persona che vive sola con figli residenti fuori dai Comuni dell’Ambito : 7 punti
Persona che vive sola con familiare convivente disoccupato: 6 punti
Persona che vive con coniuge autosufficiente e con figli fuori dai comuni dell’Ambito : 4 punti
Persona che vive sola con figli residenti nei Comuni dell’Ambito : 3 punti
Persona che vive con coniuge e con figli residenti nei Comuni dell’Ambito: 2 punti
Per altri familiari sono da intendersi quelli descritti all’art.433(persone obbligate) del Codice Civile
Età dal 65° anno al 75° : 1 punto
dal 76° anno all’80°: 3 punti
Oltre 80 anni : 5 punti

Stato di invalidità:
Anziano portatore di handicap in situazione di gravità (art.3 co 3 legge 104/92): 5 punti
Anziano portatore di handicap (art.3 co 1legge 104/92): 3 punti
Anziano invalido al 100% in attesa di riconoscimento di cui alla legge 104/92: 1 punti

A parità di punteggio, verrà data precedenza, nell’ordine:
1.anziano solo,
2.al reddito ISEE più basso,
3.alla persona più anziana.

L’istruttoria sarà di pertinenza della Commissione ad hoc istituita presso l’Ambito14.
Gli utenti o loro familiari dovranno comunicare per iscritto al Comune ogni variazione riguardante situazioni personali, eventuali rinunce al servizio e decessi.

ARTICOLO 5 Cessazioni e sospensione del servizio
Il servizio di cui al presente regolamento può cessare in caso di:
-rinuncia scritta dell’utente o del familiare di riferimento;
-trasferimento della residenza o domicilio del beneficiario in comuni fuori dall’Ambito
-decesso dell’assistito
-accoglienza in strutture residenziali termine del PAI

-qualora vengono meno i requisiti di ammissione al servizio
-sospensione per qualsiasi causa del servizio.

ARTICOLO 6 Partecipazione degli utenti al costo del servizio.
Per il servizio di Assistenza Domiciliare anziani è prevista una compartecipazione economica in misura proporzionale alla situazione scaturente dalla certificazione ISEE in corso di validità annuale. Il sistema tariffario stabilito dal Coordinamento Istituzionale permette alla persona anziana di continuare a mantenere condizioni di vita adeguate, consentendo al contempo, attraverso una contribuzione fondata sull’effettiva capacità economica posseduta, l’accesso ai servizi sociali senza sbarramento dovuto al reddito. Il sistema previsto garantisce il diritto alla fruizione gratuita della prestazione per le persone in condizioni di disagio economico. Vedi tariffe in allegato.

ARTICOLO 7 Motivi di esclusione e accertamenti
Saranno escluse le istanze pervenute fuori termine non debitamente sottoscritte dal richiedente. Per i soggetti utilmente collocati in graduatoria, potranno essere effettuati controlli relativamente alla veridicità di quanto dichiarato in sede di autocertificazione (DPR 445/2000), cosi come previsto dalla normativa nazionale vigente

ARTICOLO 8 Informativa Privacy
I dati di cui il Comune di Villa San Giovanni entrerà in possesso a seguito del presente avviso saranno trattati nel rispetto delle vigenti disposizioni dettate dal D. Lgs. n. 196/2003 comunque utilizzate esclusivamente per le finalità del presente avviso.
Il titolare del trattamento è il Comune di Villa San Giovanni. Informazioni e chiarimenti sui contenuti del presente avviso possono essere richiesti all’Ufficio dei Servizi Sociali del Comune di Villa San Giovanni, sito in via Nazionale 541– ovvero presso gli uffici competenti degli altri Comuni facenti parte dell’Ambito 14 ALLEGATO 1

DETERMINAZIONE DEGLI SCAGLIONI DI REDDITO ISEE PER LA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEL SERVIZIO
Per definire e quantificare la misura della partecipazione degli utenti al costo del Servizio di Assistenza agli anziani non autosufficienti, sono individuate le seguenti fasce di reddito ISEE, e la tariffa a carico dell’utenza calcolata in percentuale sul costo orario medio della prestazione assistenziale.

VALORE ISEE PERCENTUALE di partecipazione al costo del servizio a carico dell’utente
da 0 a € 8.000,00 servizio gratuito
da € 8.001,00 a 9.000,00 5%
da € 9.001,00 a 10.000,00 7%
da € 10.001,00 a 11.000,00 9%
da € 11.001,00 a 12.000,00 11%
da € 12.001,00 a 14.000,00 13%
da € 14.001,00 a 16.000,00 15%
da € 16.001,00 a 19.000,00 17%
da € 19.001,00 a 22.000,00 20%
da € 22.001,00 a 25.000,00 23%
da € 25.001,00 a 29.000,00 30%
da € 29.001,00 a 34.000,00 35%
da € 34.001,00 a 39.000,00 40%
Oltre € 39.000,00             100 %

Allegati
Per la scheda di accesso ai servizi clicca qui

Per la domanda di partecipazione clicca qui

Google News Per le nostre ultime notizie da Google NewsSEGUICI