Dose Booster Anti COVID-19: il Ministero, dopo 4 mesi la dose di richiamo

Il Ministero della Salute, con la circolare del 24/12/2021, aggiorna le indicazioni sull’intervallo temporale relativo alla somministrazione della dose “booster” di richiamo, nell’ambito della campagna di vaccinazione anti SARS-CoV-2/COVID-19.

Anti COVID-19, Dose Booster: almeno dopo 4 mesi la dose di richiamo
Alla luce delle attuali evidenze sull'impatto epidemiologico correlato alla maggiore diffusione della variante B.1.1.529 (Omicron) e sulla efficacia della dose booster nel prevenire forme sintomatiche di COVID-19 sostenute dalla citata variante, al fine di estendere gradualmente l’offerta del richiamo vaccinale e nel rispetto del principio di massima precauzione, si rappresenta - continua la circolare del Ministero della Salute - che, la somministrazione della dose del vaccino di richiamo (booster) a favore dei soggetti per i quali la stessa è raccomandata, con i vaccini e relativi dosaggi autorizzati, sarà possibile dopo un intervallo minimo di almeno quattro mesi (120 giorni) dal completamento del ciclo primario o dall’ultimo evento (da intendersi come somministrazione dell’unica/ultima dose o diagnosi di avvenuta infezione in caso di soggetti vaccinati prima o dopo un’infezione da SARS-CoV-2, in base alle relative indicazioni).

Si conferma, inoltre - continua la circolare - l’assoluta priorità di mettere in massima protezione con tempestività sia tutti coloro che non hanno ancora iniziato o completato il ciclo vaccinale primario, sia i soggetti ancora in attesa della dose addizionale (trapiantati e immunocompromessi), sia i soggetti più vulnerabili a forme gravi di COVID-19 per età o elevata fragilità, nonché tutti coloro per i quali è prevista l’obbligatorietà della vaccinazione che non hanno ancora ricevuto la dose booster nei tempi previsti.

Google News Per le nostre ultime notizie da Google NewsSEGUICI