Avviso pubblico per la nomina dei Delegati di quartiere del Comune di Villa San Giovanni

Avviso pubblico per la nomina dei Delegati di quartiere  Settore Affari Generali e Istituzionali del Comune di Villa San Giovanni

Il Responsabile del Settore

Visto il vigente Regolamento istitutivo delle consulte di quartiere, approvato con delibera di Consiglio comunale n. 42 del 26/07/2018;
Considerato che il Regolamento è entrato in vigore con effetto immediato;
Vista la delibera di Consiglio e visto in particolare l’art. 3, nel quale si stabilisce che i delegati di quartiere devono essere nominati a seguito dell’avvio del necessario procedimento;
Viste le dimissioni del Delegato nominato;

RENDE NOTO
L’avvio della procedura volta alla nomina del delegato di quartiere di:

PEZZO SUPERIORE
La nomina del delegato avverra’ a seguito di presentazione, da parte degli aventi diritto, di autocandidature, con le modalita’ e secondo gli schemi allegati di seguito.

MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLE AUTOCANDIDATURE
1.Coloro che, avendo i requisiti di cui al punto 2 del presente avviso, intendono candidarsi a delegato del proprio quartiere, devono presentare al Protocollo dell’Ente, un’autocandidatura supportata da un minimo di cinque firme di residenti nel quartiere aventi i requisiti di cui al punto 3 del presente avviso.
Qualora trattasi di autocandidatura presentata da Associazione radicata nel quartiere, la stessa deve recare le firme di tutti i soci.
L’Associazione dovrà inoltre trasmettere, a pena di esclusione della candidatura, lo statuto e l’elenco aggiornato dei soci.
2.L’autocandidatura deve essere redatta secondo i fac simile allegati 1) e allegato 2) del presente avviso e deve essere completa, pena esclusione, della copia del documento di identità del candidato stesso e del modello contenente le firme di supporto.
Il candidato deve dichiarare, a pena di esclusione, il possesso dei requisiti previsti dal punto 2.
3.L’autocandidatura, redatta con le modalità di cui sopra, deve essere presentata al Servizio Protocollo dell’Ente, brevi manu, via posta, ed anche a mezzo pec all’indirizzo protocollo.villasg@asmepec.ita, entro le ore 12 del 14/03/2020, pena di esclusione. Fa fede la data di arrivo.
4.Chi supporta una candidatura non ne può supportare altre. Nel caso in cui pervengano più autocandidature supportate dalla medesima persona, la firma di supporto sarà considerata valida solo per la prima autocandidatura pervenuta al protocollo.
5.Le autocandidature per le quali verranno rilevate delle irregolarità nella presentazione non potranno essere considerate.

REQUISITI NECESSARI PER ESSERE NOMINATI A MEMBRO DELLA CONSULTA
Possono presentare autocandidatura a membro della consulta tutti i cittadini residenti anagrafici nel quartiere, che abbiano compiuto 18 anni di età alla data di autocandidatura ad eccezione:
- dei Consiglieri, degli Assessori e del Sindaco del Comune Villa San Giovanni
- dei coniugi e dei parenti e degli affini entro il secondo grado dei Consiglieri, degli Assessori e del Sindaco del Comune di Villa San Giovanni
- dei dipendenti del Comune Villa San Giovanni
e sempre che non ricorrano cause di interdizione dai pubblici uffici, non vi siano procedimenti penali in corso e non sussistano cause di divieto, di decadenza o di sospensione ai sensi dell’art. 67 del D. Lgs. 159/2011.

3.REQUISITI NECESSARI PER POTER SUPPORTARE UN’AUTOCANDIDATURA
Possono supportare un’autocandidatura, tutti i cittadini residenti anagrafici nel quartiere, che abbiano compiuto 18 anni di età alla data del supporto dato all’autocandidatura, ad eccezione:
- dei Consiglieri, degli Assessori e del Sindaco del Comune di Villa San Giovanni
- dei componenti lo stato di famiglia del candidato.

4.MODALITA’ DI NOMINA DEI MEMBRI DELLA CONSULTA
1.L’ufficio competente provvederà, dopo la scadenza del termine di presentazione delle autocandidature, a verificare la loro corretta presentazione, provvedendo all’eventuale esclusione di quelle non correttamente presentate.
2.Nel caso in cui vengano presentate meno di dieci autocandidature il quartiere rimarrà senza consulta e, in questo caso, la presentazione delle autocandidature potrà essere riaperta dall’Amministrazione in corso di mandato.

5. FUNZIONI DELLE CONSULTE
1.La consulta di quartiere:
- ha un ruolo consultivo con funzioni propositive verso l’Amministrazione Comunale e promuove l’aggregazione e l’iniziativa dei cittadini;
- può promuovere la consultazione delle organizzazioni locali della società civile, delle organizzazioni dei sindacati dei lavoratori dipendenti ed autonomi, delle organizzazioni della cooperazione, dei rappresentanti delle forze politiche e delle altre formazioni economiche e sociali, sui problemi che interessano i residenti del quartiere;
- può altresì promuovere l’assemblea dei residenti del quartiere stesso;
- recepisce le esigenze del quartiere e collabora al loro soddisfacimento sottoponendole e rappresentandole all’Amministrazione Comunale.
2.I delegati di quartiere possono presentare interrogazioni per conoscere gli intendimenti dell’Amministrazione su problematiche relative al territorio comunale.
Il Sindaco o l’Assessore competente per materia devono rispondere per iscritto entro 30 giorni.
Il Delegato di quartiere, che in seno alla Consulta ha diritto di voto, dovrà partecipare attivamente ai lavori della consulta dei quartieri, portando proposte ed iniziative volte al miglioramento del proprio quartiere e della città;
Il delegato di quartiere non potrà assentarsi dalle riunioni di consulta per oltre 3 sedute consecutive,
Il delegato di quartiere potrà essere invitato presso la sede Comunale in rappresentanza del proprio quartiere anche in attività diverse dalla consulta dei quartieri;
Il delegato dovrà tenere atteggiamenti rispettosi delle cariche comunali e dei singoli delegati di quartiere in sede di consulta dei quartieri;
La mancanza del rispetto delle funzioni sopra descritte può causare, in qualunque momento, la revoca esclusivamente da parte del Sindaco.
3.Alle Consulte di quartiere può essere richiesto un parere su atti di competenza del sindaco, della Giunta o del Consiglio. Le consulte di quartiere devono esprimere il proprio parere entro e non oltre 15 giorni dalla richiesta scritta formulata dal Sindaco al Presidente della consulta.
4.Ai presidenti delle Consulte di quartiere è inviata copia dell’ordine del giorno del Consigli Comunale.

6. DURATA DELLE CONSULTE
1.Le Consulte di quartiere restano in carica per la durata del mandato del Sindaco e, in caso di scioglimento del Consiglio Comunale, fino al giorno precedente l’affissione del manifesto di convocazione dei comizi elettorali per il rinnovo del consiglio stesso.
2.In caso di dimissioni o decadenza di uno dei delegati di quartiere, il Sindaco provvede alla sua sostituzione con altro cittadino ritenuto idoneo alla carica; lo stesso può essere anche avvicendato da un suo vice o collaboratore, sempre facendo seguito alle decisioni del Sindaco.
3.in caso di inadempienza da parte del Delegato di quartiere (vedi art. 5), segnalato dal presidente della consulta, il Sindaco ha facoltà in qualunque momento di provvedere alla sospensione dello stesso, con nomina di un nuovo delegato secondo il precedente comma.
4.le dimissioni da componente della Consulta dei Quartieri devono essere presentate per iscritto al Presidente della Consulta stesso ed hanno efficacia dalla presa d’atto da parte della Consulta nella sua prima riunione.

7. ULTERIORI INFORMAZIONI
Ai membri della consulta non spetta alcun compenso, gettone, indennità o rimborso.

8. RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
1. Responsabile del procedimento è l’Avv. Maria Grazia Papasidero Responsabile del Settore Affari Generali (tel. 0965-7934217).
2. Per avere informazioni circa la delimitazione territoriale dei singoli quartieri e comprendere quindi la consulta si appartenenza o per avere ulteriori informazioni sul presente avviso, è possibile rivolgersi al Responsabile del Procedimento.

Avviso pubblico per la nomina dei Delegati di quartiere Settore Affari Generali e Istituzionali del Comune di Villa San Giovanni
Data protocollo 04/03/2020
Numero protocollo 6427