Agenzia delle Entrate: 100 Assunzioni a tempo indeterminato per Funzionari tecnici

L’Agenzia delle Entrate ha indetto un concorso pubblico per funzionari tecnici ad elevata specializzazione, architetti e ingegneri, finalizzato alla copertura di 100 posti di lavoro a tempo indeterminato in tutta Italia.

Agenzia delle Entrate: 100 Assunzioni a tempo indeterminato per Funzionari tecnici

REQUISITI SPECIFICI
• diploma di laurea in architettura o ingegneria conseguito secondo l’ordinamento di studi previgente al D.M. n. 509/99 o titolo equipollente per legge oppure laurea specialistica o magistrale equiparata ai suddetti diplomi di laurea secondo quanto stabilito dal Decreto interministeriale del 9 luglio 2009. Oppure titolo di studio conseguito all’estero, o di titolo estero conseguito in Italia, riconosciuto equipollente ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi, secondo la vigente normativa, ad una delle lauree sopra indicate;
• iscrizione alla sezione A dell’Albo di ingegnere o di architetto;

UFFICI E SEDI DI LAVORO
I 100 funzionari tecnici saranno assegnati presso Sedi dell’Agenzia delle Entrate collocate in tutte le regioni del territorio nazionale, eccetto la Valle D’Aosta. Gli Uffici di destinazione sono i seguenti:
• Uffici Provinciali Territorio;
• Direzioni Regionali;
• Direzioni Provinciali;
• Direzione Centrale Servizi estimativi e Osservatorio mercato immobiliare;
• Direzione Centrale Servizi catastali, cartografici e di pubblicità immobiliare.

PROCEDURA SELETTIVA
La procedura selettiva per i candidati al concorso Agenzia delle Entrate per funzionari tecnici sarà articolata in tre fasi:
• valutazione dei titoli;
• prova d’esame oggettiva tecnico-professionale;
• prova d’esame orale integrata da un tirocinio teorico-pratico.

VALUTAZIONE DEI TITOLI
La valutazione dei titoli è effettuata sulla base dei titoli dichiarati dai candidati nella domanda di ammissione al concorso ed è finalizzata all’ammissione alla prova oggettiva tecnico-professionale di 1000 candidati.

DOMANDA DI AMMISSIONE
I candidati al concorso indetto dall’Agenzia delle Entrate per 100 funzionari tecnici dovranno compilare e inviare la domanda di ammissione al concorso esclusivamente per via telematica, utilizzando l’applicazione informatica disponibile entro il giorno 11 aprile 2022.

Vai Al Bando

Villa San Giovanni: nasce il nuovo progetto della Stazione FS e della Stazione Marittima

E' stato reso noto dall'Autorità di Sistema Portuale dello Stretto il progetto preliminare della nuova Stazione FS e della Stazione Marittima di Villa San Giovanni. Un restyling della stazione RFI - Rete Ferroviaria Italiana, dei moli d'imbarco, della piazza antistante la stazione ferroviaria e un miglioramento del livello di connettività multimodale.

Villa San Giovanni: nasce il nuovo progetto della Stazione FS e della Stazione Marittima
Il nuovo progetto potenzierà l'accessibilità del sistema ferro-nave, si creerà un nuovo collegamento passeggeri stazione-mare, nascerà un nuovo sovrappasso con delle passerelle di collegamento per il nuovo terminal marittimo.

Un nuovo progetto che potenzierà le infrastrutture esistenti, valorizzerà il fabbricato viaggiatori, nascerà un nuovo atrio di stazione, un nuovo sovrappasso con nuove passerelle di collegamento, ottimizzazione dei percorsi carrabili e pedonali, un nuovo terminal marittimo con terrazza panoramica.

Un nuovo progetto nato confrontando diverse alternative sotto il profilo tecnico, tenendo conto dell’impatto ambientale ed urbanistico, con particolare attenzione agli aspetti economici e finanziari degli interventi. Un progetto nato da un gruppo di lavoro composto da professionalità di alto profilo tecnico, al fine di fornire gli elementi e garantire un sistema di attraversamento stabile dello Stretto di Messina.

L’Autorità di Sistema Portuale dello Stretto contribuirà in questo percorso di sviluppo non solo partecipando alle iniziative ma anche diventando regista ed attuatore di ulteriori attività che spingano i porti e le attività portuali e collaterali verso nuovi traguardi, così da superare la flessione dei traffici e degli ordinativi, riposizionando il sistema portuale su nuovi mercati e innovativi scenari di azione.

Vai al Video del Progetto RFI ADSP Villa San Giovanni.

Villa San Giovanni, strada chiusa per cedimento della condotta fognaria. Tutti le info

Dopo il cedimento della condotta fognaria su via Giuseppe Ungaretti ad Acciarello, il Settore Tecnico Comunale di Villa San Giovanni comunica che la riparazione è stata programmata dal giorno 22.03.2022 e contestualmente, ha disposto con l'Ordinanza n.16/2022, il provvedimento di chiusura della predetta via fino al completamento dei lavori di ripristino del guasto.

Villa San Giovanni, strada chiusa per cedimento della condotta fognaria. Tutti i dettagli
L'Ordinanza dispone in considerazione dell'urgenza dell'intervento, volto alla salvaguardia della salute e della sicurezza pubblica, l'interdizione della circolazione veicolare in via Giuseppe Ungaretti a partire dalle ore 09.30 del 18.03.2022 e fino alle ore 18.00 del 22.03.2022, comunque fino al termine di lavori, termina l'ordinanza.

Emergenza profughi Ucraina. Avviso per la disponibilità di alloggi e/o servizi

Avviso pubblico per l'emergenza umanitaria profughi provenienti dalla Repubblica Ucraina per la disponibilità di alloggi e/o servizi.

Emergenza profughi Ucraina. Avviso per la disponibilità di alloggi e/o servizi

Relativamente all’emergenza umanitaria derivante dagli eventi bellici in corso in Ucraina e al conseguente afflusso in Italia di cittadini in fuga dal conflitto, la Prefettura di Reggio Calabria ha comunicato che è stato creato un apposito “Modulo” finalizzato alla raccolta delle manifestazioni di disponibilità all’accoglienza (alloggio e/o servizio). Il predetto formulario è disponibile direttamente al seguente link: https://forms.gle/f1x4b7MdoFFPXaRs8 o, in alternativa, nell’apposita Sezione “Emergenza Ucraina”, presente sulla pagina web della Prefettura di Reggio Calabria.

Le manifestazioni di disponibilità, anche da parte di soggetti privati, dovranno essere trasmesse unicamente mediante il format in parola.

Villa San Giovanni, multa recapitata dopo la prescrizione. Il Comune e l'Agenzia delle Entrate in Tribunale

Con atto di citazione notificato al Comune di Villa San Giovanni in data 05/01/2022, il Sig. M.G. impugnava, dinanzi al Giudice di Pace di Palmi, intimazione di versamento per una multa emessa dall’Agenzia delle Entrate relativa ad una cartella di pagamento riferita a violazione del Codice della Strada a favore dell'Ente comunale.

Villa San Giovanni, multa recapitata dopo la prescrizione. Il Comune e l'Agenzia delle Entrate in Tribunale

A sostegno dell’atto di citazione - come riporta la delibera - il signor M.G., deduceva la maturata prescrizione del credito e la decadenza dal potere di riscossione della somma ingiunta.

A tal proposito, al fine di tutelare la posizione del Comune di Villa San Giovanni nella comparsa di costituzione in giudizio dinanzi al Giudice di Pace di Palmi per l'udienza del 21/03/2022, il Commissario prefettizio, attualmente alla guida dell'Ente comunale, con sottoscrizione della procura nomina a difesa dell'Ente comunale l’Avv. Fernando Scrivano, attuale legale dell’Avvocatura Civica nominato con la deliberazione n. 5 del 31/01/2019 dalla Giunta Comunale, per compiti di assistenza e difesa, consulenza giuridica giudiziale e stragiudiziale.

Sintesi Della Delibera n.38 del 17-03-2022

Contributo per la revisione dei veicoli 2021. Come beneficiare del bonus

Il contributo è erogato in favore dei proprietari di veicoli a motore che, dal 1° novembre 2021 e per i successivi tre anni, sottopongono il proprio veicolo alle operazioni di revisione di cui all'art. 80, comma 8, del Codice della strada. Il contributo può essere richiesto dai proprietari di veicoli a motore che sottopongono il proprio veicolo alle operazioni di revisione presso le imprese individuate all'art. 80, comma 8, del Codice della strada. Il bonus è riconosciuto per un solo veicolo e per una sola volta. Dal 1 maggio 2022 sarà possibile richiedere esclusivamente il contributo per le revisioni effettuate nel 2022.

Contributo per le revisioni dei veicoli effettuate nel 2021. Ecco come beneficiarne del bonus

LEGISLAZIONE
Il decreto del Ministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibili, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, numero 366 del 24 settembre 2021, pubblicato in gazzetta ufficiale nr. 253 del 22 ottobre 2021, disciplina i criteri e le modalità di concessione ed erogazione del contributo previsti dall'art. 1, comma 706, della legge 30 dicembre 2020, n. 178 (c.d. «bonus veicoli sicuri»).
Il comma 706 dell’articolo 1 della legge 30 dicembre 2020, n. 178, prevede il riconoscimento, a titolo di misura compensativa dell’aumento previsto dal comma 705, per i tre anni successivi alla data di entrata in vigore del decreto previsto da quest’ultimo comma, di un buono denominato ”buono veicoli sicuri”, per l’importo di euro 9,95 e nei limiti delle risorse stanziate al comma 707, a beneficio dei proprietari di veicoli a motore che, nel medesimo periodo temporale, sottopongono il proprio veicolo e l’eventuale rimorchio alle operazioni di revisione di cui al richiamato articolo 80, comma 8, del decreto legislativo n. 285 del 1992, con definizione delle modalità attuative della disposizione di detto riconoscimento, consentito per un solo veicolo a motore e per una sola volta, con decreto del Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibile di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze.

DESTINATARI DEL PROVVEDIMENTO
Il contributo è erogato in favore dei proprietari di veicoli a motore che, dal 1° novembre 2021 e per i successivi tre anni, sottopongono il proprio veicolo alle operazioni di revisione di cui all'art. 80, comma 8, del Codice della strada. Il contributo può essere richiesto dai proprietari di veicoli a motore che sottopongono il proprio veicolo alle operazioni di revisione presso le imprese individuate all'art. 80, comma 8, del Codice della strada.
Il contributo è riconosciuto per un solo veicolo e per una sola volta.

MODALITA’ DI FRUIZIONE DEL CONTRIBUTO
L’art. 4 del decreto 24 settembre 2021 cita che per accedere al contributo, il richiedente, previa registrazione sulla piattaforma informatica «Buono veicoli sicuri» accessibile direttamente o dal sito del Ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili, presenta istanza compilando il modello disponibile sulla piattaforma stessa.
L’art. 5 del decreto 24 settembre 2021 disciplina il rimborso del contributo su conto corrente. L'istanza è corredata da una dichiarazione sostitutiva resa ai sensi dell'art. 47 del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445 in cui il soggetto richiedente attesta e comunica i dati richiesti. L'applicazione prevede il rilascio, nell'area riservata a ciascun beneficiario registrato, di una ricevuta di quanto
presentato sulla piattaforma.

MODALITA’ DI ACCESSO
L’art.4 al comma 2 del decreto 24 settembre 2021 dispone che l’identità dei beneficiari sia accertata tramite
credenziali SPID (di livello 2). L'identità dei richiedenti è verificata, in relazione ai dati del nome, cognome e codice fiscale, denominazione sociale nel caso di incaricato di società, attraverso il sistema pubblico per la gestione dell'identità digitale, di seguito «SPID» di cui all’art.64 del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82.

Attenzione: l’accesso all’area riservata avviene esclusivamente con SPID con livello di sicurezza 2. Accedi qui

Villa San Giovanni, Servizio Tributi: affidamento diretto per il supporto

La Responsabile del Settore Economico finanziario del Comune di Villa San Giovanni, con determina n. 14 del 14-03-2022, al fine di garantire il corretto svolgimento delle attività propedeutiche e consequenziali alla gestione del Servizio Tributi, procede all’indizione di gara mediante Trattativa Diretta per l’affidamento del servizio con un unico operatore economico individuando la Ditta di Caridi Teresa, con sede legale in Melito Porto Salvo (RC) per un importo pari a € 12.350,00 che trova copertura nel Bilancio 2022.

Villa San Giovanni, gestione del Servizio Tributi: affidamento diretto per il supporto
L'Attività di riscossione spontanea e coattiva delle entrate tributarie e patrimoniali dell’Ente è stata affidata all'Agenzia delle Entrate. Per la complessità della normativa di riferimento e delle procedure operative della gestione delle entrate tributarie è necessario fornire all’ufficio comunale - si legge nella determina - almeno fino al 31/12/2022, un servizio di supporto all'attività di gestione ordinaria ed accertativa.

L’art. 36 comma 2 lett. a) del D. Lgs. 50/2016 ss.mm.ii. stabilisce che, fermo restando quanto previsto dagli articoli 37 e 38 dello stesso decreto e salva la possibilità di ricorrere alle procedure ordinarie procedendo all'affidamento di lavori, servizi e forniture di importo inferiore a 40.000 euro, mediante affidamento diretto anche senza previa consultazione di due o più operatori economici.

Villa San Giovanni, contributo canoni di locazione e utenze domestiche. Ecco la graduatoria provvisoria

Il Settore Politiche Sociali del Comune di Villa San Giovanni aveva predisposto un avviso pubblico rivolto a tutti i cittadini, per la concessione dei contributi per le utenze domestiche e canoni di locazione ad uso abitativo per l'annualità 2021, con somme derivanti dai fondi stanziati dal Governo ex art. 53 D.L. 73/2021, recante “Misure urgenti di solidarietà alimentare e di sostegno alle famiglie per il pagamento dei canoni di locazione e delle utenze domestiche” ivi incluse la TARI e l’acqua da pagare all'ente comunale. La scadenza era fissata al giorno 20/01/2022.

Villa San Giovanni, contributo canoni di locazione e utenze domestiche, ecco la graduatoria provvisoria
All'ente comunale sono pervenute - si legge nella determina n.9 del 14-03-2022 - in totale, n. 83 domande per rimborso utenze domestiche. Tra le 83 domande, sono state ritenute ammissibili n. 59, di cui 7 ammesse con riserva, per un totale di spesa di € 13.486,02 su € 77.378,50, pertanto risulta una economia di € 63.892,48, per cui verranno riaperti, con successivo avviso, i termini per la presentazione delle domande per rimborso del costo delle utenze domestiche in favore di tutti coloro che NON sono risultati beneficiari.


Dalle 83 istanze pervenute per il rimborso del costo delle utenze domestiche, nell’ambito della misura a sostegno delle famiglie che versano in stato di bisogno per il pagamento dei canoni di locazione e delle utenze domestiche si è formulata un'apposita graduatoria provvisoria, ritenendo ammissibili al beneficio n. 59 domande, di cui 7 ammesse con riserva e escluse n.24 per le motivazioni specificate nell’allegato.

Alla determina è possibile proporre motivata istanza di revisione in autotutela entro e non oltre giorno 21 marzo 2022 alle ore11:00 presso il Protocollo dell’Ente, o via Pec all’indirizzo: protocollo@pec.comune.villasangiovanni.rc.it.

Successivamente si procederà all’approvazione della graduatoria definitiva dopo l'esito dell’esame delle eventuali richieste di revisione e di integrazione per le domande ammesse con riserva per il contributo per le utenze domestiche. Il Responsabile del procedimento è la Dott.ssa Maria Grazia Papasidero. Per ulteriori info chiamare ai seguenti numeri di telefono: 09657934217–214.

Vai Alla Graduatoria Provvisoria

Info: La graduatoria per il contributo per i canoni di locazione ancora non è completa, mancano delle integrazione di alcuni utenti e ci vorrà ancora un po' di tempo.

Emergenza accoglienza profughi Ucraina, circolare dei prefetti ai sindaci

Nel quadro dell'attuale situazione di crisi legata agli eventi bellici in corso in Ucraina, si rende necessario far fronte all'emergenza di accoglienza derivante dal prevedibile e consistente afflusso in Italia di profughi ucraini in fuga dalla guerra. Al riguardo, i prefetti, con relative circolari, rendono noto ai sindaci e commissari prefettizi, il Decreto-legge 28 febbraio 2022, n. 16, recante “Ulteriori misure urgenti per la crisi in Ucraina” con specifiche misure riguardanti l'accoglienza dei profughi provenienti da quel Paese. In particolare, il comma 1, ha disposto un incremento delle risorse finanziarie destinate al sistema di prima accoglienza, per un importo corrispondente al costo di circa 5.000 ulteriori posti, che dovranno essere attivati nell'ambito della rete dei centri temporanei di accoglienza (CAS).

Emergenza accoglienza profughi Ucraina, circolare dei prefetti ai sindaci
Per le stesse finalità di accoglienza è stata autorizzata l'attivazione di ulteriori 3.000 posti nel Sistema di accoglienza e integrazione (SAI) di cui ed è stata conseguentemente estesa ai profughi provenienti dall’Ucraina la riserva di posti (complessivamente 5000) del Sistema di Accoglienza e Integrazione (SAI) già prevista e finanziata per i cittadini afghani evacuati.

Si legge nella circolare che, a decorrere dall'inizio del conflitto, i profughi ucraini possono essere accolti nelle strutture di prima accoglienza (CAS) e nel Sistema di accoglienza e integrazione (SAI), anche se non in possesso della qualità di richiedente protezione internazionale o degli altri titoli di accesso previsti dalla normativa vigente.

Fino a questo momento è stato registrato un graduale flusso di ingresso di cittadini ucraini sul territorio nazionale, in parte accolti da familiari o conoscenti. Tuttavia lo sviluppo del conflitto e le imprevedibili conseguenze sul piano umano che dallo stesso potrebbero derivare, rende necessario predisporre soluzioni di accoglienza che tengano conto della peculiarità dei cittadini in ingresso, prevalentemente donne e bambini, in conformità a quanto previsto dall’art. 11, D.lgs. n. 142/2015.

Si legge nella circolare, che potrà essere valutata la possibilità di sottoscrivere accordi di collaborazione con i Comuni, ai sensi dell'art. 15, L. n. 241/1990, al fine di affidare agli enti comunali la gestione dell'accoglienza, sempre secondo la disciplina del sistema CAS, con oneri a carico del Ministero dell’Interno.

Laddove vi sia disponibilità in tal senso, i sindaci, vorranno prendere diretti contatti con la Prefettura, ai fini dei successivi adempimenti e, in ogni caso, far conoscere le eventuali ulteriori soluzioni individuate per assicurare l'accoglienza di cittadini ucraini. Attivare un monitoraggio del fenomeno, anche in considerazione della necessità di censire la presenza di minori in età scolare. Ciò potrà avvenire anche con il coinvolgimento dei rappresentanti locali delle comunità di cittadini ucraini eventualmente presenti nei rispettivi territori, termina la circolare.

Google News Per le nostre ultime notizie da GOOGLE NEWSSEGUICI

NEWS

Meteo Sud: caldo africano, picchi di 40°C

Meteo Sud: caldo africano, picchi di 40°C

Venerdì, 17 Giugno 2022 18:54