Reggio: Funghi tossici. L'avviso della Città Metropolitana

La Città Metropolitana di Reggio Calabria il 28-12-2021 rende noto il comunicato per i raccoglitori di funghi del "Gruppo Micologico Calabro N. Capito'", riguardante una fioritura abbondante di Clorophyllum Molybdites, funghi tossici confondibili con specie commestibili come la più conosciuta e ricercata Macrolepiota Procera (mazza di tamburo).

Reggio: Funghi tossici. L'avviso della Città Metropolitana
Visto la segnalazione di alcuni casi di intossicazione - continua il comunicato - causati da Clorophyllum Molybdites del Ministero della salute, in Sicilia, Puglia e Calabria nel Comune di Siderno (RC), il Gruppo Micologico di Roccella Jonica (RC), invita tutti i raccoglitori di funghi nel territorio della Città Metropolitana di Reggio Calabria e di far visitare tutti i funghi raccolti presso le ASP e Gruppi Micologici del proprio territorio.

Caratteristica: cappello da 6 a 12-14 cm da subgloboso a piano-convesso a maturità; superficie bruno-grigiastro, ricoperta da squame con colori, irregolari e sempre più rade, sottili al margine tomentoso e biancastro. Lamelle: da giovane bianche poi grigio verdastre. Gambo: 5-12x1-2 cm, cilindrico, liscio, con bulbo + evidente alla base, biancastro al di sopra dell’anello, bruno rossastro nella parte inferiore. Anello: a margine doppio, bianco-grigiastro bordato di bruno.
Carne: bianca, rosso-arancio + intenso alla sezione, senza odore particolare. Habitat: parchi, giardini, in terreni 
coltivati, nelle serre; estate autunno.
Si confonde con altre Macrolepiota tossiche, Rachodes, Venenata, con carne arrossante e M. Puellaris non commestibile e carne immutabile.

Macrolepiota commestibili, confondibili:
Macrolepiota procera: cappello 15-30 cm; da giovane globoso-ovoidale a convesso-spianato con umbone centrale ottuso, carnoso, superficie con squame concentriche di colore bruno-nocciola su fondo biancastro, margine frangiato, cotonoso. Lamelle: bianche, fitte, larghe, libere al gambo con collarium, con qualche forcatura, separabili dalla carne del cappello.
Gambo: 15-30 (40) x 1,5-2 cm, 
cilindrico con un grosso bulbo alla base, attenuato in alto, duro, fibroso, ornato da zigrinature trasversali irregolari al disotto dell’anello, di colore brunastre su fondo biancastro, cavo al taglio.

Anello: alto, ampio, doppio, scorrevole sul gambo, bianco nella parte superiore, brunastro in quella inferiore, margine frangiato, fioccoso. Carne: bianca, fragile nel cappello, fibrosa nel gambo; odore di nocciola, sapore gradevole.

Habitat: cresce nei prati, campi, sentieri di boschi di latifoglie e aghifoglie.

Macrolepiota konradii: le caratteristiche si differenziano poco dalla precedente per il cappello di 10-15 cm di diametro; Lamelle: biancastre; Gambo: 10-15x1-1,5 cm, di colore chiaro e liscio in alto, decorato da sottili squamule evidenti e concolori al cappello verso la base.
Anello: semplice, alto, ampio, di colore bruno nella parte inferiore.
Carne: biancastra ,debolmente rosata nel gambo; odore e 
sapore gradevoli.

Habitat: cresce nei prati, parchi, in terreno erboso.

Google News Per le nostre ultime notizie da GOOGLE NEWSSEGUICI

NEWS