Scuole Villa San Giovanni. Il Commissario prefettizio: non necessaria la chiusura. Tutti i dettagli della comunicazione

Sono stati i Consiglieri di maggioranza del Comune di Villa San Giovanni, tenuto conto della grave situazione pandemica che sta coinvolgendo l'intero territorio Nazionale, con un costante e continuo aumento dei contagi ed in considerazione della prevista riapertura delle scuole di ogni ordine e grado, posticipata per i suddetti motivi anche dal Governo Regionale a giorno10 gennaio, ad interpellare, giorno 8 gennaio, con una missiva indirizzata ai Commissari prefettizi, di poter adottare ogni azione utile al fine di evitare il peggiorarsi della situazione attuale, ivi compresa la decisione di posticipare l'apertura delle scuole cittadine Comunali e non di almeno una settimana, raccogliendo l'invito fatto anche da parte della Città Metropolitana a tutti i Sindaci del territorio, visti i dati notevolmente negativi in termini di aumento dei contagi che provengono dalle autorità sanitarie locali e dalle strutture Ospedaliere Metropolitane.

Scuole Villa San Giovanni. Il Commissario prefettizio: non necessaria la chiusura. Tutti i dettagli della comunicazione
In tal senso - spiegano i consiglieri - appare utile segnalare che il territorio Comunale di Villa San Giovanni vede la presenza di diverse Istituzioni scolastiche, anche di grado superiore, che vantano la frequenza di numerosissimi studenti pendolari provenienti da Comuni limitrofi, i quali sono costretti ad arrivare nella nostra Città attraverso l'utilizzo di mezzi di trasporto ove il controllo degli strumenti governativi adottati per la riduzione
dei contagi è difficilmente attuabile.
In considerazione di quanto suddetto - continuano i consiglieri - a tutela della salute della collettività e della popolazione scolastica e non scolastica del nostro territorio Comunale, si chiede di adottare, così come fatto da tantissimi altri Sindaci della Città Metropolitana di Reggio Calabria, medesima ordinanza di chiusura per la salvaguardia e la tutela della salute pubblica al fine di ottenere le minime possibilità di contagio, in considerazione del fatto che, purtroppo, oggi, la scuola rappresenta il maggior vettore di possibili contagi.

A seguito della missiva, il Commissario prefettizio Dott. Marco Oteri, spiega che il Sindaco Metropolitano f.f., il 7 gennaio 2022, in ordine all'opportunità di adottare provvedimenti di chiusura delle scuole, per come segnalato anche dal Direttore Sanitario f.f. del Grande Ospedale Metropolitano "Bianchi-Melacrino-Morelli", si è provveduto a trasmettere i dati relativi ai contagi da Covid-19 all'interno delle Istituzioni Scolastiche del territorio comunale, comunicati dai Dirigenti scolastici, al Dipartimento di Prevenzione dell'ASP di Reggio Calabria, per le necessarie valutazioni circa la ricorrenza dei presupposti sanitari per l'adozione, a tutela della salute pubblica, di eventuale ordinanza sindacale contingibile ed urgente volta a posticipare la ripresa delle lezioni in presenza, quale misura per prevenire la diffusione dei contagi, ulteriore rispetto a quelle in atto vigenti sul territorio nazionale e regionale.

Dal confronto con il Dipartimento di Prevenzione - spiega il Commissario - è emerso che i dati dei contagi comunicati dalle Istituzioni Scolastiche escludono attualmente la necessità di adottare specifica ordinanza contingibile ed urgente di chiusura delle scuole, considerato il numero contenuto di soggetti positivi segnalati (che comunque non rientreranno in presenza) e le misure predisposte dai vari Istituti in applicazione delle norme e dei provvedimenti vigenti in materia.
La situazione continuerà ad essere costantemente monitorata, in raccordo con i Dirigenti Scolastici e con il Dipartimento di Prevenzione dell'ASP, al fine di valutare la tempestiva adozione di eventuali misure diverse da quelle attualmente vigenti in ambito nazionale e regionale.

Google News Per le nostre ultime notizie da GOOGLE NEWSSEGUICI

NEWS