Segnalazioni qualificate all'Agenzia delle Entrate. Maggiori entrate per le casse comunali di Villa San Giovanni

Si riporta di seguito uno stralcio della Determinazione n.1028 del 29 dicembre 2020 del Settore Economico Finanziario del Comune di Villa San Giovanni, con oggetto:
approvazione trattativa diretta sul MePa per acquisto servizio di elaborazione e trasmissione delle c.d. "segnalazioni qualificate" all'Agenzia delle Entrate di cui alla partecipazione del comune di Villa San Giovanni all'accertamento dei tributi erariali e alla lotta all'evasione fiscale ai sensi dell'art. 1 del d.l. n. 203/2005 -cig zbf2ff321d-.



Premesso:
-che per il triennio 2017/2019, ai sensi dell’art. 36, comma 2 e art. 95 del D.Lgs. n. 50/2016, era stato affidato alla Società Interdata Cuzzola Srl il servizio di elaborazione e trasmissione delle c.d. “Segnalazioni Qualificate” all’Agenzia delle Entrate di cui alla partecipazione del Comune di Villa S. Giovanni all’accertamento dei tributi erariali ed alla lotta all’evasione fiscale ai sensi dell’art. 1 del D.L. n. 203/2005;

-che, visti i risultati dell’attività svolta nel triennio di riferimento che ha portato ad un introito per l’Ente pari ad € 434.333,06, si è ritenuto anche per l’anno 2020 continuare la fattiva e proficua collaborazione con la stessa società approvando con determina n. 1366/2019 la Trattativa diretta sul MEPA per l’acquisizione del servizio di che trattasi;

Premesso quanto sopra Posto che è scaduto il contratto di collaborazione con la Società Interdata Cuzzola Srl così come in premessa indicato;

Ravvisata l’opportunità, stante i risultati ottenuti, che vi sia una continuità nello svolgimento di tale servizio anche per l’anno 2021 da parte della stessa società;

Visto che in data 22/12/2020 è stata acquisita al prot. n.33414 la proposta avanzata dalla Soc. Interdata Cuzzola, con sede legale in Reggio Calabria Via Del Gelsomino n. 37 -P.IVA 01153560808, per un Servizio di “Collaborazione con l’Agenzia delle Entrate” nel contrasto all’evasione fiscale e all’accertamento attraverso l’elaborazione e trasmissione delle C.D. “Segnalazioni Qualificate” ai sensi dell’art. 1 –D.L. 203/2005 per l’anno 2021 per l’importo di € 23.200,00 oltre IVA;

Dato atto:
-Che non sono attive convenzioni Consip di cui all’art. 26, comma 1, della Legge n. 488/1999 aventi ad oggetto beni/servizi comparabili con quelli relativi alla presente procedura di approvvigionamento;

-Che in base a quanto previsto dalla nuova formulazione dell’art. 1, comma 450, della Legge n. 296/2006, così come modificato dall’art. 7, comma 2, del D.L. n. 52/2012 (convertito con Legge n. 94/2012), per le forniture di beni e servizi di importo inferiore alla soglia comunitaria anche gli Enti Locali sono tenuti a fare ricorso al Mercato Elettronico della P.A. (MEPA CONSIP), ovvero ad altri mercati elettronici;

-Che ai sensi dell’art. 1 del D.L. n. 95/2012, i contratti stipulati in violazione degli obblighi di approvvigionarsi attraverso gli strumenti di acquisto messi a disposizione da CONSIP sono nulli, costituiscono illecito disciplinare e sono causa di responsabilità amministrativa;

-Che con riferimento a tutte le ditte operanti nel settore che hanno ottenuto l’abilitazione al Bando sopra indicato, la CONSIP ha già provveduto alla verifica preventiva dei requisiti di capacità professionale ed economico-finanziaria previsti dal Bando;

Atteso che l’art. 36 del D.Lgs. n. 50/2016, al comma 2, lett. a), prevede che, per servizi e forniture di importo inferiore a € 40.000,00 è consentito l’affidamento diretto da parte del Responsabile del Procedimento, e considerato che da ciò si desume l’intendimento del legislatore di contemperare il principio di trasparenza con quello di proporzionalità e non aggravamento del procedimento per procedure di modesto valore economico, e ritenuto ciò a maggior ragione valido in rapporto alla specialità del bene/servizio da acquisire;

Tenuto conto che il citato art. 36 del D.Lgs. n. 50/2016 stabilisce che le acquisizioni di lavori, servizi e forniture in economia possono essere effettuate mediante affidamento diretto;

Dato Atto che l’importo di affidamento pari ad € 23.200,00 oltre IVA trova disponibilità al Capitolo 10130311/1 a valere sul bilancio 2020/2022 -Esercizio 2021;

Ritenuto, per quanto sopra detto, dover approvare la Trattativa diretta di Acquisto avente numero identificativo d’ordine n. 1559294 generato tramite il portale www.acquistiinretepa.it , agli atti del Settore;

Dato atto che il presente affidamento è identificativo con il CIG ZBF2FF321D;

Visti:

-gli artt. 37 del D.Lgs. n. 33/2013 ed 1, comma 32, della Legge 190/2012, in materia di “Amministrazione trasparente”;

-il D.Lgs. 18 aprile 2016, n. 50;-il documento di consultazione dell’Anac -Linee Guida n. 4, di attuazione del D.Lgs. 18/04/2016 n. 50 recanti “Procedure per l’affidamento dei contratti pubblici di importo inferiore alle soglie di rilevanza comunitaria, indagini di mercato e formazione e gestione degli elenchi di operatori economici”, approvate dal Consiglio dell’Autorità con delibera n. 1097 del 26/10/2016;


Determina

la premessa è parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;

Di approvare la Trattativa diretta di Acquisto avente numero identificativo d’ordine 1559294, generato tramite il portale www.acquistiinretepa.it, agli atti del Settore;

Di impegnare in favore della Soc. Interdata Cuzzola Srl, con sede legale in Reggio Calabria Via Del Gelsomino n. 37 -P.IVA 01153560808, la spesa di € 28.304,00 inclusa IVA da imputare al Capitolo 10130311/1 a valere sul bilancio 2020/2022 -Esercizio 2021.

Allegato
Per la determinazione clicca qui

Google News Per le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI