Villa San Giovanni. Evasione fiscale: pagato il servizio per le segnalazioni

Il Settore Economico Finanziario e Tributi del Comune di Villa San Giovanni con Determina n. 69 del 12/11/2021 liquida le fatture n. 109 del 22/04/2021, n. 192 del 18/06/2021 e n. 367 del 08/10/2021 in favore della Società Interdata Cuzzola S.r.l. per il servizio di elaborazione e trasmissione delle "Segnalazioni qualificate" all'Agenzia delle Entrate relative al I, II e III trimestre dell'Anno 2021 per un importo complessivo di € 21.228,00 IVA compresa.

La partecipazione dei Comuni all’attività di accertamento era già prevista dagli artt. 44 e 45 del Decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600, anche se con minore incisività rispetto all’attuale sistema.  Ma è nel 2005 che si crea una nuova ed efficace coesione tra Amministrazione finanziaria e Comuni.Infatti con il decreto legge del 30 settembre 2005, n. 203, successivamente convertito e con modificato, dalla legge 2 dicembre 2005, n. 248, si èimplementato il ruolo riconosciuto agli Enti Locali, quali soggetti partecipanti all’attività di accertamento dei tributi erariali (diretti e indiretti), garantendo loro una percentuale prima del 30% e poi del 33% delle maggiori somme riscosse a titolo definitivo. Quota poi elevata al 50% con l’emanazione del D. Lgs. 14 marzo 2011 n. 23.
Per contrastare l'evasione fiscale e l'accertamento dei tributi erariali, con determinazione n. 1028 del 29/12/2020 del Settore Finanziario e Tributi del Comune di Villa San Giovanni è stato affidato direttamente il servizio per l'elaborazione e trasmissione delle "Segnalazioni Qualificate" all'Agenzia delle Entrate alla Società Interdata Cuzzola S.r.l., con sede legale in via Del Gelsomino n. 37- 89128 Reggio Calabria (RC), da svariati anni al servizio dell'Ente comunale.

Per il I, II e III trimestre dell'Anno 2021 il servizio è costato ai cittadini € 21.228,00 IVA compresa. L'ammontare della somma complessiva degli accertamenti eseguiti nel trimestre 2021 non viene riportata nella determina.

La partecipazione dei Comuni all’attività di accertamento era già prevista dagli artt. 44 e 45 del Decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600, anche se con minore incisività rispetto all’attuale sistema.

Ma è nel 2005 che si crea una nuova ed efficace coesione tra Amministrazione finanziaria e Comuni. Infatti con il decreto legge del 30 settembre 2005, n. 203, successivamente convertito e con modificato, dalla legge 2 dicembre 2005, n. 248, si è implementato il ruolo riconosciuto agli Enti Locali, quali soggetti partecipanti all’attività di accertamento dei tributi erariali (diretti e indiretti), garantendo loro una percentuale prima del 30% e poi del 33% delle maggiori somme riscosse a titolo definitivo. Quota poi elevata al 50% con l’emanazione del D. Lgs. 14 marzo 2011 n. 23.

Per ogni segnalazione che va a buon fine spetta all’ente locale anche una quota di compartecipazione al gettito. Un’occasione certo da non perdere per le casse comunali.

Google News Per le nostre ultime notizie da Google NewsSEGUICI